STRATEGIE DIDATTICHE PER I DISLESSICI

3 Responses

  1. Pilar Blasco Lujan scrive:

    Buongiorno.
    Semplicemente grazie, per tutti i vostri consigli.
    Ho un figlio con difficoltà nella memoria di lavoro a breve termine e disgrafia.
    Le sue difficoltà sono iniziate dalla prima media, dopo tre anni tra visite con esperti e medici vari, visto che pensavano che le sue fragilità di apprendimento erano dovute alla lingua straniera, perché sono una mamma straniera e le sue distrazione al suo carattere.
    Oggi, anche si sono passati tre duri anni di scuola media, sono contenta che insieme ad un centro di diagnosi dei disturbi dell’ apprendimento siamo riusciti a capiri che cosa stava vivendo e ha vissuto mio figlio, semplicemente per potere aiutarlo e non vivere più da solo e in silenzio questa fatica.
    Grazie.

  1. settembre 3, 2010

    […] a vedere articolo:  STRATEGIE DIDATTICHE PER I DISLESSICI | Rossella Grenci's Blog Articoli correlati: DISLESSIA: TESIMONIANZA DI UNA MAMMA « Rossella Grenci's […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comments links could be nofollow free.