L’APPRENDIMENTO MULTISENSORIALE

5 Responses

  1. giulia scrive:

    salve, sto scrivendo una tesi di laurea su come sfruttare la creatività dei bambini con d.s.a. per migliorare il loro apprendimento dentro e fuori dalla classe. ho letto “le aquile sono nate per volare” che mi ha fornito delucidazioni sull’argomento in particolare vorrei approfondire la tematica dell’apprendimento multisensoriale ma le opere in bibliografia sono un po datate. mi chiedevo se potesse consigliarmi una guida pratica che illustri le tecniche di apprendimento di cui parla nel libro magari abbastanza recente. grazie mille.

    • rossella grenci scrive:

      Mi dispiace Giulia, una guida completa non esiste. Devi cercare quà e là fra i libri pubblicati dalla Erickson per trovare qualcosa…

  2. Maria Rita Usai scrive:

    L’articolo è molto interessante: sono nonna di un bimbo di 6 anni che è solo disgrafico! Si pensa che ciò sia dovuto al fatto che nell’ultimo anno della scuola materna ci fosse attrito fra le insegnanti che non hanno svolto correttamente il loro programma e al fatto che il bambino non sia stato avviato, durante l’estate, alla scrittura. Il bambino non presenta alcun altro disturbo. Ha le matite per disgrafici, vorrei sapere che altro materiale si potrebbe acquistare. Grazie.

    • rossella grenci scrive:

      Buongiorno Maria Rita, più che di strumenti, mi preocciperei di fargli fare più esperienze motorie possibile, si a livello di motricità fine, che a livello più globale.

  1. novembre 24, 2012

    […] a leggerne questo stralcio, dove parla anche del cono di Dale, in immagine. L’impostazione multisensoriale facilita l’apprendimento di tutti, come sempre il dislessico ne troverà particolare […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comments links could be nofollow free.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.