io-penso-diverso-libro-70441

Oggi si celebra la giornata dedicata alla Sindrome di Asperger, essendo l’anniversario della nascita del dottor Asperger, medico austriaco che ha dedicato la sua vita a a osservare e classificare i bambini il cui profilo è parte di ciò che ora chiamiamo spettro dei disturbi autistici, piuttosto che della schizofrenia.

Su Spazio Asperger si legge:

 

Asperger ebbe un grande interesse sui bambini che vedeva in ospedale a Vienna, che sembravano avere un certo numero di caratteristiche in comune. Inizialmente, su una base di quattro casi, descrisse una serie di caratteristiche che richiedevano una categoria diagnostica specifica, ed in seguito diagnosticò circa cento bambini con (per usare i termini originali) “psicopatia autistica” (Hippler e Klicpera, 2003). 

A tal proposito vi segnalo un libro uscito da poco: Io penso diverso.

Josef Schovanec ha la sindrome di Asperger: muto fino all’età di sei anni, è solo grazie alla determinazione dei suoi genitori che si è salvato dall’ospedale psichiatrico.

La diagnosi sbagliata di un trauma psichico irreversibile ci avrebbe infatti privato per sempre di un’intelligenza fuori dal comune: il bambino che non era stato giudicato idoneo a frequentare la prima elementare, l’adolescente tanto spesso trattato come un ritardato mentale, l’uomo che fatica a dire buongiorno o a entrare in un caffè, e per il quale l’atto quotidiano più insignificante, come comprare il pane o fare una telefonata, diviene una fonte d’angoscia insostenibile, oggi ha un dottorato in filosofia, parla correntemente diverse lingue, scrive discorsi e tiene conferenze in tutto il mondo.

Il suo stato di autistico, racconta in questo libro, non è però qualcosa di lontano dalla normalità (un handicap o un tratto di genialità “aliena”), ma una condizione quotidiana, con vantaggi e svantaggi: dall’attaccamento ad alcune passioni (lui le definisce “manie” o “dipendenze”) ai piccoli problemi di tutti i giorni.

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.