Due libri che non devono mai mancare nella libreria di chi si occupa di bambini e lettura, quindi non solo per motivi clinici, come me, ma anche e soprattutto per gli insegnanti sono: Proust e il Calamaro di Maryanne Wolf e I neuroni della lettura, di Stanislas Dehaene.

Quest’ultimo libro è un tomo di 500 pagine con informazioni e studi su:

– Come impara a leggere il nostro cervello da primate?

– Esistono metodi di lettura migliori di altri?

– Utilizziamo le stesse aree corticali quando leggiamo l’italiano, l’arabo o il cinese?

Stanislas Dehaene ci mostra come per rispondere a tali domande occorra dar vita a una scienza della lettura del tutto nuova, in grado di combinare quello che le neuroimmagini ci dicono sui circuiti corticali sottesi all’elaborazione di grafemi e fonemi con quello che la psicologia ci insegna sui meccanismi cognitivi legati all’arte del leggere.

Veniamo così a sapere che nel corso dell’acquisizione della lettura i nostri circuiti corticali originariamente destinati al riconoscimento degli oggetti si sono “riciclati” per decifrare caratteri dalle più diverse dimensioni e fogge e che questa conversione è stata lenta, parziale e non priva di difficoltà, come mostrano i ripetuti scacchi cui vanno incontro i bambini (e non solo…).

Tale scienza della lettura, però, ha un valore non solo teorico, ma anche pratico, in vista soprattutto di una nuova pedagogia capace di introdurre nel variegato mondo della scuola le conquiste più recenti delle neuroscienze.Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

4 commenti su “I NEURONI DELLA LETTURA”

  • Ti linko a un mio intervento che ho fatto un paio di giorni fa nel gruppo Insegnanti di Facebook, e anche sul gruppo Metodo “Libera…mente imparo” perchè proprio basato sugli studi scientifici dei due autori. La traduzione è del 2010, ma i libri sono stati pubblicati in lingua nel 2007. Dehaene soprattutto ha scritto molto altro, anche un nuovo libro, rigorosamente in inglese e non tradotto, che aggiorna e sostiene le tesi scientifiche precedenti corroborando la validità teorica del Metodo Libera…mente imparo.

  • Sto leggendo proprio in questi giorni “Proust e il calamaro”.
    Ne vorrei poi scrivere una recensione sul blog, ma sto andando incontro a tante difficoltà.
    E’ una mia impressione o è molto tecnico in alcune parti?
    Forse è davvero solo per gli addetti ai lavori.
    Io non demordo e poco alla volta lo faccio mio, cercando di capire sempre meglio il mondo della dislessia.

    • Non demordere, salta le parti più tecniche. Gli ultimi due capitoli sulla dislessia possono tornarti utili! Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.