Lo yoga a scuola? Sì, proprio così. In un articolo apparso stamane su La Repubblica si viene a conoscenza del fatto che, una volta alla settimana, in alcune scuole italiane, durante l’orario scolastico si tengono corsi di yoga.

Il protocollo che permette allo yoga di entrare in classe è stato firmato cinque anni fa dal Ministero dell’Istruzione con le principali associazioni italiane della disciplina orientale. A Barletta, in Puglia, è nata proprio allora una delle esperienze più solide d’Italia, ma anche a Reggio Emilia, negli asili e nelle scuole d’infanzia più premiati del paese, lo yoga viene praticato fin dai tre anni. Il protocollo prevede che lo yoga possa essere insegnato non solo ai piccoli, ma anche nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Come viene spiegato in questo articolo “con lo Yoga si sperimenta una nuova possibilità educativa, che sostiene e al tempo stesso prepara l’insegnamento scolastico: l’auto-educazione. Non si tratta di imparare una nuova materia, ma di creare una base solida, uno spazio di accoglienza, che trasforma le situazioni di disagio a partire dalla riscoperta delle risorse personali, un luogo dove fioriscono la concentrazione e la creatività.

E gli insegnanti? Essi hanno la possibilità di sperimentare modalità nuove per favorire l’ascolto e la qualità della relazione in classe, attraverso il corpo;

  • imparano “tecniche” di concentrazione e strategie di rilassamento da proporre ai ragazzi, in diversi momenti della giornata (a inizio lezione, a metà mattina, a fine giornata, prima di un compito…);
  • sperimentano in prima persona come ritrovare le proprie risorse, soprattutto in momenti di stress e tensioni;
  • possono lavorare in classe sui temi aperti dalle proposte.

È possibile visionare il protocollo d’intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e la Confederazione Nazionale Yoga presso il sito: www.confyoga.it.

Inoltre, in questo sito, vengono spiegati gli obiettivi e la strutturazione delle lezioni.

Vi segnalo ancora una volta il blog di Claudia La Casa nella Prateria, in cui parla di yoga per bambini e ci auguriamo che esca presto il suo libro sull’argomento!Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

3 commenti su “LO YOGA A SCUOLA”

  • La scuola si allontana sempre di più dal mondo e dalla vita dei giovani, proprio perchè le discipline non fondano i loro saperi sulle realtà vissute ma su delle nozioni sofisticate, plastiche , astratte.

  • dal libro LO YOGA NELLE SCUOLE PRIMARIE ATTRAVERSO LA DANZA ed. EUROPA di Ivana Brigliadori introduzione

    Prefazione del libro “Lo yoga nelle scuole primarie attaverso la danza” “Una scuola che costringe i bambini a rimanere fermi, seduti, così tante ore di seguito. Una serie di lezioni da studiare che poco lasciano all’immaginazione. Tutto questo può davvero insegnare qualcosa di buono? In questo testo, Ivana Brigliadori propone una visione diversa dell’insegnamento, un metodo che aiuti i giovani a collegare e riequilibrare corpo, mente, emozioni, psiche, immaginazione, realtà, aiutandoli ad affrontare in maniera diversa, più sana e consapevole, le lezioni che dovranno imparare. Un saggio chiaro, semplice e ben documentato che spiega nel dettaglio gli effetti benefici dello yoga” Pamela Michelis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.