Martina Milanese e Giuliana Grosso, mamma e figlia. Tutte e due cariche di energia creativa che hanno convogliato in due libri. Il primo: Le più belle fiabe di Martina. Il secondo: Aquilegia e il Popolo dei Fiori.

Giuliana racconta:


“Il primo libro lo abbiamo scritto quando Martina aveva 7 anni, lei mi dava spunti e idee e io scrivevo. Quasi tutte le favole riguardano gli animali del bosco, perchè abbiamo una casa in montagna vicino ad un bosco e lei prendeva spunto dagli animali selvatici che lo abitano. I ghiri, per esempio, li avevamo davvero sul tetto!

Il secondo, lo abbiamo scritto due anni dopo, Martina era già piu’ grande. Ma è lei l’ideatrice del racconto: un’isola con tutti gli abitanti che si chiamano con il nome di un fiore, il Popolo dei Fiori appunto. Poi ha preso un libro di botanica e ha dato “vita” ai personaggi. La trama l’abbiamo scritta insieme.

Mentirei se dicessi che è tutta farina del suo sacco ma le idee più brillanti sono state sicuramente le sue! Per due anni ho tenuto il racconto nel cassetto poi ho conosciuto per caso la Fabbrica dei Segni (che è anche una Cooperativa Sociale) e grazie a loro il libro è stato realizzato!”

Mentre il ricavo del primo libro è stato devoluto ad un’Associazione amica, e ormai ne sono rimaste poche copie, per il secondo Giuliana non ha pensato a niente, anche perchè il ricavo èirrisorio. Intanto con un gruppo di genitori (più una psicologa) hanno costituito l’Associazione l’Orto del Sapere, a Novi Ligure, che vuole diffondere una nuova cultura riguardo alla problematica dei DSA. E già, perchè non l’avevo ancora detto, ma Martina è dislessica e adesso frequenta la I media.

A proposito: siamo nel giorno Arnica (forse) del mese di Bucaneve. Dove? Ma ad Aquilegia! Martina vi guiderà, insieme al suo gatto Romeo, nell’isola di Aquilegia 🙂

Un saluto fiorito alla giovane scrittrice Martina e alla sua mamma aiutante Giuliana!

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.