Oggi volevo segnalarvi 3 libri che hanno in comune una cosa: sono dei silent-book. Cosa sono?
 
I silent-book rappresentano non solo un’opportunità unica di giocare e divertirsi con i libri insieme ai nostri figli, ma anche uno strumento infallibile per svilupparne la fantasia, la creatività, la capacità di espressione. Essendo totalmente, o quasi, privi di testo, siamo noi o, ancor meglio, i bambini a inventare i dialoghi dei personaggi, i suoni, la storia stessa. E questa storia sarà ogni volta diversa, perché influenzata dalle emozioni del momento. E’ sufficiente dare il la con il classico “C’era una volta…”, e poi lasciare che immaginazione e fantasia facciano il resto.
 
Ma i silent-book offrono un’altra possibilità: in un mondo come il nostro, dominato dalla comunicazione multimediale, dalle urla e dai messaggi logorroici che ci bombardano di continuo e da ogni dove, i libri fatti di sole illustrazioni possono costituire un rifugio, un porto sicuro in cui rannicchiarsi e godere semplicemente della bellezza e della potenza espressiva delle immagini. Fornendo ai nostri bambini un’arma in più nella guerra della comunicazione: il silenzio. Perché è anche apprezzando il silenzio che si impara a comunicare.
 
 
libro-rosso-Lehman

Il libro rosso, un libro dalla copertina rossa viene trovato per terra da un bimbo, che inizia a sfogliarlo. Di immagine in immagine il lettore si trova a “precipitarvi” dentro insieme a lui. Sì, proprio “dentro”, in ogni immagine.

è un incredibile gioco visivo, in cui continuamente si entra e si esce dalle immagini, si guarda e si è guardati, per capire con stupore che alla fine il protagonista è il lettore stesso.
Il libro rosso è un libro davvero speciale, per tutte le età, capace di raccontare per sole immagini una storia bellissima, che diventa una vera e propria esperienza visiva. Un classico per bambini e per adulti che vogliono e sanno guardare oltre…

Un libro utilissimo anche dal punto di vista didattico, per sviluppare le capacità logiche e consequenziali. Le illustrazioni dai colori pastello, sono acquarello, guazzo e inchiostro.

 Stori-Engman-cop

C’era una volta una storia si snoda come una treccia orizzontale di linee azzurre simili a onde, vapori di lunga nuvola, fantasie di pentagrammi in apertura di questo grande albo. Un libro incantato  che di pagina in pagina racconta la meravigliosa storia che si forma sotto gli occhi di chi lo legge. Una cameretta buia dove ogni giocattolo sussurra e ripete nel buio le parole del libro. E poi: una valigia in cui viaggia un cane verde, una donna con in testa un pappagallo, un gatto che balla sulle zampe davanti, un albero del Giappone con le sue scimmie parlanti. E poi: calzini che ballano la rumba, il principe dalla criniera bionda e le zampe di velluto, l’uccello rosso e blu che canta la famosa canzone sempre uguale che fa sentire ogni volta diversi. Fino a una provvidenziale oca selvatica, chiamata a ricomporre l’ordine del mondo.

Un libro per avventurarsi nel regno della notte dove fioriscono i più incantevoli misteri.

Il suggerimento è di accompagnare i più piccoli, che ancora non leggono o leggono solo alcune parole, nella lettura condivisa e/o inventata, all’inseguimento del significato delle immagini e dell’intrecciarsi di “misteriosi omini neri” (le lettere) che per parte loro non raccontano la storia, ma invitano a soffermarsi su alcune immagini, le descrivono come inizi di avventure legate o indipendenti, fornendo spunti di racconto a chi accompagna il bambino nella lettura – un insegnante, un genitore – e proposte d’immaginazione per il bambino che scopre, inventa, chiede.

un-pianeta-che-cambia-libro-62232

Un pianeta che cambia è un libro con un grosso vuoto centrale intorno al quale si dipana una narrazione sulle modifiche urbane e ambientali. Trattandosi di un cartonato, peraltro facilmente afferrabile per il buco che lo caratterizza, è un libro adatto per i piccolissimi… ma per la grafica raffinata e i contenuti adatto anche per i bimbi più grandi e gli adulti. Davvero un’ottimo lavoro che consente di nutrire le menti e lo spirito dei bambini con oggetti la cui bellezza sarà apprezzata nei vari significati mano a mano che crescono, senza fretta e senza spiegazioni!

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.