A causa dell’assenza di una diagnosi in età evolutiva, è molto probabile che un adulto dislessico manifesti una FERITA causata dai prolungati e ripetuti fallimenti in ambito scolastico.

Questa ferita provoca nel tempo

  • stati di ansia, disturbi dell’umore, scarsa autostima che si ripercuotono anche nel quotidiano

  • difficoltà a formarsi un’immagine di sé positiva

  • sensi di colpa per i suoi insuccessi scolastici, tanto che può accadere che vengano rimossi, cancellati

  • senso di inadeguatezza che può sfociare in sentimenti di rabbia e impotenza, soprattutto se si è stati respinti da insegnanti e genitori, e sottoposti a umiliazioni e punizioni.

 

Infine, un disturbo ancora non compensato può essere di intralcio in alcune attività lavorative, causando problemi con colleghi e superiori, quando in realtà potrebbe essere utile avere mansioni differenti o, semplicemente, utilizzare gli strumenti adatti per bypassare le difficoltà specifiche.

Conoscere le proprie caratteristiche di apprendimento può aiutare nel lavoro e nel percorso di studi universitario.

Non solo, una volta individuato “il trauma” (l’evento traumatico che ha causato la ferita), la persona riesce più facilmente a risolvere i suoi disagi psicologici, soprattutto se si è in un percorso psicoterapeutico.

Da novembre 2021 la nuova legislazione dà anche diverse opportunità per i concorsi pubblici. Leggi qui.

Se sei interessato e vuoi sottoporti al test online clicca qui.