ali-per-volare-ali-per-leggere-le-frecce-tric-L-7tPHSB

Pubblico con molto piacere (e orgoglio!) questo articolo scritto dall’amica Graziella Padovan e inviatomi da Elena dell’AID di Podenone. Come potrete leggere, infatti, i ragazzi hanno incontrato  le mitiche Frecce Tricolori, donando ai piloti una copia del mio libro Le Aquile sono nate per volare! Ringrazio di cuore tutti gli organizzatori dell’evento e i ragazzi, per questo bel gesto. Grazie ancora a Elena per avermelo comunicato e per avermi mandato le foto e l’articolo!

Ali per volare ali per leggere. Frecce Tricolore e dislessia

 

Mercoledì 4 maggio a Rivolto un gruppo di circa 60 ragazzi dell’Associazione Italiana Dislessia, sezione di Pordenone, hanno incontrato i mitici piloti del 313° Gruppo di Addestramento Acrobatico.

Il gruppo è stato accolto dal Sergente Maggiore Cocca che li ha accompagnati nella visita. Dopo l’emozionante esibizione dei piloti e gli applausi, il gruppo ha incontrato il Maggiore Andrea Saia, responsabile P.R. che ha presentato e raccontato ai ragazzi come è nato il volo acrobatico e la storia della Pattuglia Acrobatica Nazionale. Ha iniziato citando un personaggio particolarmente caro ai ragazzi dell’AID, Leonardo da Vinci, artista e scienziato dal grande fascino, che scriveva al contrario da destra a sinistra e dall’ultima pagina verso quella iniziale, univa parole e usava abbreviazioni, e diceva a volte gli mancassero parole per esprimere correttamente i concetti. Sappiamo oggi che la dislessia può presentare queste caratteristiche e comportare questi problemi e si pensa che Leonardo fosse dislessico. Un esempio che viene citato spesso, insieme ad altri nomi illustri, ai ragazzi che presentano difficoltà di apprendimento, perché gli esempi delle vite di questi grandi aiutano a superare le grandi difficoltà che ancora i ragazzi con DSA incontrano e perché possano sviluppare le loro capacità supportati e confortati dalla creatività che li distingue.

 

La visita si è conclusa con la foto con i mitici piloti e gli autografi. In quest’occasione i ragazzi hanno regalato ad ogni pilota una copia del libro “Le aquile sono nate per volare, il genio creativo dei bambini dislessici” di Rossella Grenci. Il comandante T. Col. Marco Lant ha consegnato alla presidente dell’AID di Pordenone, dott.ssa Graziella Padovan il quadro donato dalla pittrice e illustratrice Francesca Pampanin, che lega l’immagine del volo alla dislessia, con la firma di tutti i piloti.

 

Questa visita nel mondo del volo e delle acrobazie si chiude con l’augurio che ragazzi tutti, dislessici e non, superino o aggirino gli ostacoli che incontrano ogni giorno e possano realizzare i loro sogni, i loro desideri e volare in alto.

www.aidpordenone.orgSe ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.