Le ultime ricerche ci hanno confermato che il cervello dei neonati è prodigiosamente predisposto per il linguaggio; proprio per questo è importante, però, sapere anche quali siano gli stimoli giusti. 

La prima cosa, la più importante, è parlare con il neonato (come spiega Tracy Hogg nel suo libro Il linguaggio segreto dei neonati), come faremmo con bambini più grandi, per spiegare quello che stiamo per fare: “Adesso la mamma ti prende in collo per andare a fare il bagnetto”, “Contiamo fino a tre e poi ti prendo in collo”, “Ci prepariamo per uscire” e così via. Gli studiosi pensano che i bambini siano abituati al suono della voce della mamma fin dal pancione e che serva loro più tempo, dopo la nascita, per riconoscere e scegliere la voce del papà.

Quando la mamma parla ad un bambino piccolissimo gli si rivolge usando un registro particolare, chiamato maternese o babytalk, con una serie di caratteristiche che sembrano facilitare il compito di comprensione del piccolo. Come per magia, le mamme senza saperlo e senza averlo appreso da nessuna parte, adeguano il proprio modo di parlare via via che i bambini crescono – in gran parte guidate da un ascolto attento che riesce a valutare i progressi e le difficoltà. La caratteristica principale del Baby Talk è la semplificazione in vari ambiti linguistici, attraverso un uso semplificato della sintassi e del lessico, la scansione fonetica e l’uso di ripetizioni. 

Le ricerche dicono che è giusto adattare il proprio stile alle capacità comunicative dei bambini, facendo attenzione a due cose in più:

– il babytalk si deve adeguare ai progressi del bambino e non deve restare sempre uguale.

– Il contesto comunicativo in cui vivono i bambini deve essere ricco e presentare anche stimoli superiori alle capacità che rivela in quel momento il bambino, per aiutarlo a progredire.

E’ stato osservato che anche i papà si rivolgono ai piccoli usando accorgimenti particolari, ma producendo una complessità maggiore di quella del maternese, tanto che è stata formulata l’ipotesi del “ponte”: i papà, secondo questa ipotesi, avrebbero il ruolo di traghettare i piccoli verso un linguaggio più complesso, quello che incontrano fuori di casa.

Gli studi hanno dimostrato che i bambini piccoli, almeno fino ai 9 mesi, preferiscono ascoltare un discorso rivolto a bambini, quindi con le caratteristiche del babytalk, piuttosto che un discorso rivolto ad adulti. 

Fonte: Baby Talk

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Un commento su “PARLIAMO AI NEONATI!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.