Le dita sono importanti per contare, ma anche per la costruzione del significato di numero. Questo è il sunto dell’articolo “La matematica passa dalle dita”di Anna Baccaglini-Frank. Alcuni risultati ottenuti nel campo delle neuroscienze hanno messo in luce un legame neuro-funzionale tra l’uso delle dita e lo sviluppo del senso del numero. Secondo lo studioso Butterworth, questo legame si  fonda  sull’idea  che  si costruiscono rappresentazioni numeriche concrete e astratte usando le dita, le parole e i numerali (i simboli).

Le dita sono usate in tutte le  culture  per  rappresentare  numerosità:  ecco  perché,  secondo Butterworth, la  capacità  di  rappresentare  mentalmente  le  dita (gnosia  digitale)  è  intrinsecamente  legata  alla  rappresentazione  di numerosità.  Inoltre,  poiché  sono  sempre  a  portata  “di  mano”,  i bambini si trovano spesso a usare le dita non solo per rappresentare numerosità, ma anche per contare e fare aritmetica. Le dita, dunque, fungono  da  ponte  nel  legare  rappresentazioni  concrete a rappresentazioni  astratte  delle  nozioni  di  “quantità”  e  delle “operazioni” (almeno di addizione e sottrazione).

Le teorie di Butterworth si fondano sugli studi riguradanti le tecniche di conteggio delle dita che variano ampiamente tra le culture.

Ogni cultura ha un diverso modo di contare sulle dita. Ad esempio: gli europei iniziano spesso con i pugni chiusi e cominciano a contare sul pollice della mano sinistra. Anche i popoli del Medio Oriente iniziare con il pugno chiuso, ma cominciano a contare con il mignolo della mano destra.

Anche la maggior parte dei cinesi e molti nordamericani utilizzano il sistema di chiusura del pugno, ma iniziano contando su un dito indice piuttosto che il pollice. I giapponesi di solito partono da una posizione aperta della mano e contano chiudendo prima il mignolo e poi le dita rimanenti. In India si fa uso dei segmenti delle dita per ottenere ben 20 conteggi da ogni mano. Si sa anche, però, che il popolo Pirah dell’Amazzionia non usa le dita per contare.

Contare con le dita è naturale come respirare – ma non è una cosa innata o anche, a quanto pare, universale. In realtà ci sono molte tecniche diverse ed esse sono trasmesse culturalmente.

I ricercatori tedeschi Andrea Bender e Sieghard Beller sostengono che il grado di diversità culturale nel contare sulle dita è stato enormemente sottovalutato. Dicono anche che, studiando le tecniche di conteggio delle dita, possiamo meglio comprendere come la cultura influenza i processi cognitivi, in particolare il calcolo mentale.

La Risonanza Magnetica Funzionale per Immagini mostra che le regioni del cervello associate con l’uso delle dita si attivano quando eseguiamo dei compiti numerici, anche se non usiamo le nostre dita per aiutarci a completare questi compiti. Gli studi dimostrano che i bambini piccoli con buona consapevolezza delle dita svolgono meglio i compiti quantitativi rispetto a quelli che non sanno usare bene le dita.

Questo può essere perché il conteggio delle dita ha una proprietà unica che la distingue dai sistemi di conteggi scritti o verbali: si tratta di una esperienza senso-motorio, con un collegamento diretto tra il movimento corporeo e l’attività cerebrale.

 

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Un commento su “LA MATEMATICA E L’USO DELLE DITA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.