Il libro di Maryanne Wolf Proust e il Calamaro riporta ad ampio raggio tutte le ricercge degli ultimi anni sulla dislessia, anche quelli comparativi interlinguistici, cioè comparando lingue diverse. Molto interessante sono le conclusioni riguardo a come gli aspetti salienti di un sistema di scrittura influiscano sulla dislessia.


Ad esempio: nelle lingue meno regolari come l’inglese e il francese, la dislessia si manifesta con difficoltà legate alla consapevolezza fonemica ed è caratterizzata da un’inesatta decodifica. Invece, in lingue come il tedesco, ortograficamente trasparente, questa abilità avrà un ruolo meno importante.

Nelle lingue più trasparenti, come l’italiano, lo spagnolo, il greco e l’olandese, il bambino dislessico mostra meno problemi nel decodificare le parole e più problemi nel leggere i testi in modo fluido e con buona comprensione. Così anche come nel caso di un bambino cinese o giapponese le difficoltà di lettura si esprimeranno in altri modi.

Come potete comprendere, la lingua è una variabile che influenza notevolmente la dislessia e che la differenzia. In tal modo diversi saranno i sintomi predittori nei bambini più piccoli, legati anch’essi alle particolarità della lingua di appartenenza. Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Un commento su “OGNI LINGUA HA LA SUA DISLESSIA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.