Ancora conferme su quanto facciano bene le coccole fatte dalla mamma ai bambini in età prescolare. Non si cresce solo se ben nutriti, ma soprattutto se ben accuditi! Uno studio Washington University School of Medicine di St. Louis coordinati da Joan L. Luby ha dimostrato che  i bambini sani che ricevono quotidianamente coccole e supporto materno hanno un ippocampo più sviluppato circa del 10%, area del cervello fondamentale nella gestione di apprendimento, memoria e stress.

«Decenni di ricerche avevano suggerito l’importanza di un caregiver particolarmente amorevole (che si tratti di mamma, papà o nonni) ai fini dello sviluppo emotivo e comportamentale del bambino – ha concluso Luby – ma questo studio fornisce prove concrete circa il fatto che una regione chiave del cervello cresca più sana e meglio sviluppata nei bambini che ricevono un accudimento più attento. Il nostro studio offre un background scientifico solido a qualcosa di intuitivo, e cioè che il supporto dei genitori è essenziale per crescere come esseri umani – spiega Joan L. Luby – Ed è il primo che mostra un cambiamento anatomico nel cervello dei bambini direttamente correlato alla natura e all’intensità del rapporto con la madre. Le implicazioni per la salute pubblica? L’attenzione per le cure parentali dovrebbe essere maggiore, e anche a livello sociale si dovrebbe incoraggiare il contatto quotidiano tra genitori e bambini a ogni costo perché ha un impatto profondo sullo sviluppo infantile. Anzi, ai genitori si dovrebbe insegnare come stare accanto ai loro bambini».

Fonte: http://www.repubblica.it/Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

2 commenti su “CRESCERE MEGLIO CON IL SUPPORTO MATERNO E LE COCCOLE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.