Sapevate che il calamaro è utile alla scienza della lettura? Questo ci racconta Maryanne Wolf nel libro che ho più volte citato: Proust e il Calamaro.

Il calamaro e lo studio del suo assone centrale sono utili alla scienza della lettura per capire come si attivano e si trasmettono segnali ma anche come viene riparato o compensato un difetto di funzionamento.

Dal punto di vista della scienza, la dislessia è un pò come studiare un giovane calamaro che non riesce a nuotare in fretta. Le peculiarità dei collegamenti nervosi del calamaro possono aiutarci a capire sia cosa occorre per nuotare, sia di quali doti ha bisogno un calamaro lento per essere in grado, nonostante il suo deficit, di vivere e prosperare.
Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.