Ho ritrovato una poesia che ho ascoltato tanti anni fa, direttamente attraverso la sua autrice, la mamma Ornella Bergadano. La ritrovo oggi, dopo tanto tempo (è stata messa anche nel foglietto illustrativo dell’AID) e voglio farvela conoscere:

Suoni di musica vedo danzare,

suoni di lettere vedo scappare.

Queste note che arrivano come l’onda del mare,

han colori magnifici da poterli toccare.

Io vorrei raccontarteli, ma non so cominciare,

è davvero difficile, li dovresti guardare.

 

Suoni di musica vedo danzare,

suoni di lettere vedo scappare.

 

Le mie mani san leggere suoni, forme, colori

e così posso esprimere la mia gioia e il dolore.

Ciò che a scuola è importante è però un’altra cosa,

solo leggere e scrivere è un’impresa gloriosa.

 

Suoni di musica vedo danzare,

suoni di lettere vedo scappare.

 

Sono chiare le lettere, sono ferme sul foglio,

poi d’un tratto scompaiono

anche se io le voglio.

Le ritrovo, ritornano, ricomincio a pensare,

le rimetto nell’ordine, ma non voglion restare.

 

Suoni di musica vedo danzare,                                                                                      

suoni di lettere vedo scappare.

 

Sembra a tutti impossibile            

che io non possa imparare,                 

come fossi imbecille, devo sempre rifare.                                                          

Mi è venuto da piangere,                                                                                                

mi è venuto da urlare,         

mi hanno detto: “Riprovaci”,                                              

ma io sto solo male.

 

Suoni di musica vedo danzare,                                                                                      

suoni di lettere vedo scappare.

 

Tu mi hai detto:                                                              

“Sei rara come l’occhio tuo verde”,  

non si tratta di colpa, di chi vince o chi perde.                                                                    

Quando faccio fatica, tu però non parlare,    

non mi mettere fretta, che ce la posso fare.Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.