Come sensibilizzare alla balbuzie un gruppo classe?
Come spiegare cosa significa balbettare con linguaggio semplice e nel contempo appropriato?
Come aiutare un bimbo a comprendere ed essere compreso?
Paola Viezzer, educatrice psicomotricista, ha trovato le parole per dirlo usando la favola come metafora per rivolgersi a bambini dai 7 ai 10 anni.
Il libro è Siamo speciali: storie per aiutare i bambini a capire alcune diversità, Edizioni Erickson, aiuta l’insegnante o il genitore ad affrontare temi delicati come la balbuzie, l’epilessia, l’enuresi, l’iperattività.
Dieci brevi racconti per dieci differenti problemi, che possono essere letti come favola della buonanotte o a scuola come attività di prevenzione al bullismo, stimolando i bambini, fin da piccoli, alla diversità e alla solidarietà.
Le storie potranno essere lette come favola della buona notte, in un momento di rapporto intimo adulto-bambino, ma anche in classe o nel gruppo di lavoro: in questo caso si potrà incoraggiare i bambini, una volta terminata la lettura, a raccontarsi, a esporre le proprie sensazioni ed esperienze con un disegno, con una frase o cercando a propria volta di inventare un racconto.

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Un commento su “Come spiegare cosa significa balbettare con linguaggio semplice e appropriato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.