ef8d635d093082cf6168afb2f302501818fc44d6

I nostri bambini hanno perso il contatto con la natura, con la terra, le piante. Non sanno più cosa significhi prendersi cura di una piantina, ne’ come cresce un ortaggio.

Avere un piccolo orto/giardino, anche sul balcone, può essere molto importante per tantissimi motivi, ma anche avere delle piante a casa di cui si occuperà il bambino, possono essere un buona opportunità. 

        1. La magia della nascita, la soddisfazione di veder crescere una piantina curata con le proprie mani. Piante grasse e terrari, che richiedono poca manutenzione, sono ideali per insegnare ai bambini come occuparsi delle piante.
        2. E’ il modo più semplice per avvicinare i piccoli alla natura e alla sensibilità ecologica.
        3. Importante è lo sviluppo della responsabilità: il seme si schiude, cresce e dà frutto solo attraverso due ingredienti fondamentali: la pazienza e la costanza.
        4. Sarà molto più facile far mangiare le verdure che lui stesso ha coltivato.

COME INIZIARE A COLTIVARE UN ORTO?

Ecco i consigli del portale delle Fattorie Didattiche.

Prima di iniziare è fondamentale che chi coordinerà questa attività (genitori, educatori, insegnanti) capiscano l’importanza di farla percepire al bambino come un gioco: l’esperienza educativa sarà tanto più efficace quanto più il bambino potrà viverla liberamente, senza paura di sbagliare o di essere rimproverato.

Ecco allora 5 semplici consigli:

1. Abbigliamento: vestire i bambini in modo appropriato e comodo, così da farlo sentire libero nei movimenti e nella sua attività, senza temere di sporcarsi.
2. Tempi: i bambini, soprattutto i più piccoli, hanno tempi di attenzione bassi e per questo è necessario alternare diversi tipi di attività (seminare, annaffiare, scavare, osservare la crescita delle piante, ecc.).
3. Coinvolgimento: ricordiamoci che sono i bambini i protagonisti di questo gioco. Per prima cosa, allora, facciamo scegliere a loro la pianta da coltivare.
4. Sbagliando si impara: il seme non germoglia, la piantina si ammala? Niente paura, bisogna far capire ai bambini che non è colpa loro e che, se qualcosa è andato storto, bisogna cercare di imparare dagli errori.
5. In cucina: anche quando gli ortaggi arriveranno in cucina è importante che i bambini abbiano una parte attiva nelle varie fasi della preparazione del raccolto.

Qui trovate una scelta di libri sul giardino e l’orto, per adulti e bambini.

 Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.