adolescencia
Purtroppo sono ancora molti i ragazzi dislessici che nella Scuola Secondaria, nonostante un forte impegno nello studio, vivono un forte disagio perchè gli insegnanti giungono a conclusioni errate circa le loro capacità.
 
Spesso, all’ingresso nella Scuola Secondaria viene riscontrato un miglioramento nelle capacità di lettura, ma a questo non si associano altrettanti miglioramenti scolastici.
In realtà ci sono tre variabili di cui tener conto:
1) I tempi scolastici sono sempre più rapidi.
2) Lo studio è sempre più specifico, di conseguenza necessita di un maggior approfondimento.
3) Aumentano le prove di verifica scritte. E’ così che aumenta sempre di più la discrepanza tra le potenzialità del ragazzo e ciò che riesce a fare concretamente.
Ecco perchè è importantissimo che anche nella Scuola Superiore ci sia un’adeguata formazione dei docenti, affinchè non aumentino il numero delle bocciature aumentino gli abbandoni scolastici si crei disagio psicologico nel ragazzo.
C’è ancora tanto da fare!

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

5 commenti su “I RAGAZZI DISLESSICI NELLA SCUOLA SECONDARIA”

    • Perchè la legge è ferma da 2 anni. Leggi e firma la petizione online per l’approvazione della legge. La trovi nella mia pagina sulle petizioni.

  • da sei anni entro nelle scuole, in orario scolastico, con un progetto specifico per bambini e ragazzi con disturbo dell’apprendimento, con gran soddisfazione da parte di genitori e allievi. Purtroppo a Roma ci sono 4 politici ignoranti che non riescono a far approvare una legge, a causa anche dell’aid che si pone male nei confronti delle istituzioni e sta rallentando l’iter di legge.

  • ho un fratello che è affetto di dislessia e frequenta la 2 media…purtroppo i professori incompetenti non sanno affrontare il problema e quindi rischia di nuovo la bocciatura…non c’è un rimedio a tutto ciò!!???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.