Qualcuno crede ancora che la dislessia possa avere origine da dinamiche relazionali intrafamiliari. Questo è assolutamente inesatto e può generare tanta confusione nei genitori che si sentono colpevolizzati da una cosa che per molto tempo, prima che la scienza potesse “entrare nel cervello” dei dislessici, è stata un pò una credenza comune.
Ma la dislessia può stravolgere tali dinamiche intrafamiliari. Si crea un circolo vizioso: le credenze svalutative dei genitori riducono nei figli la motivazione ad investire energie nei compiti scolastici.
L’equilibrio emotivo del bambino/ragazzo deve essere l’oggetto principale dell’attenzione di genitori, specialisti e insegnanti.
Una modalità è quella di coinvolgimento i genitori nel trattamento riabilitativo in modo che esposti a nuovi modelli relazionali attivati in seduta dal riabilitatore, modifichino le proprie condotte disfunzionali senza richiesta introspettiva diretta. Informare i genitori delle potenzialità, e non solo delle disfunzionalità, nel ragazzo, permetterà di riguadagnare fiducia nelle sue potenzialità e, automaticamente, il genitore rimanderà un’immagine positiva al figlio.

Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.