uccq559

“Quando le persone si alzeranno in piedi e lavoreranno insieme come comunità per ciò che è giusto, avverrà il cambiamento. Questo è il potere delle possibilità”

 

Conosci Patrick Dempsey, l’attore noto per il ruolo del Dr. Derek Shepherd nella serie TV “Grey’s Anatomy”?

Patrick ha trascorso gli anni della scuola elementare in classi di educazione speciale. Si sentiva abbandonato e disadattato, dimenticato insieme ai suoi compagni, perché non si adattava al sistema educativo. Per rendere le cose ancora più difficili, allora non si sapeva molto sulla dislessia, quindi non c’erano supporti per aiutare i bambini come lui.

“Le persone vogliono sentire un senso di appartenenza, credere in se stesse. Quando vieni meno alle aspettative della società, di ciò che la società considera perfetto o normale, ti senti escluso e scartato. “

Ma Patrick aveva una sua strategia per reagire al sentirsi ignorato (e annoiato dal curriculum): intratteneva gli altri suoi compagni di classe. Era nelle aule di educazione speciale il luogo dove ha scoperto le sue qualità di attore e intrattenitore.

Come spesso accade in questi casi, anche Patrick è stato vittima di bullismo. Trovando difficile comunicare verbalmente, si difendeva fisicamente e, quindi, veniva spesso mandato in ufficio, dove la mamma era la segretaria del preside.

“Ognuno è un individuo a sé e il sistema educativo dovrebbe tenerne conto, un sistema educativo che ispiri l’amore per l’apprendimento in tutti i bambini, perché nessun bambino vuole alzarsi al mattino per andare a scuola e fallire!”.

Ciò che lo ha aiutato a superare le sue difficoltà con la scrittura è stata la televisione, in particolare i documentari, oltre ai libri audio che poteva ascoltare in biblioteca.

Riguardo alla sua professione dice:

“Recitare è la peggior professione che avrei potuto scegliere, davvero. Voglio dire che è tutto basato sulla ‘parola’ e bisogna leggere … Avevo 10 anni di audizioni e non potevo semplicemente entrare e prendere la sceneggiatura e leggerla a freddo. Di solito ti davano 10 scene per fare le audizioni, anche se ne usavano solo due, quindi dovevo memorizzare tutte quelle pagine di dialogo. Grazie a Dio non ero qualificato per fare nient’altro, altrimenti mi sarei arreso.”

 

Che consiglio ha per gli altri che provano vergogna a causa della loro disabilità?

“Il viaggio di ognuno è diverso, ma la cosa più importante è sapere che questo non ha niente a che fare con la tua intelligenza. Odio le etichette perché ti mettono in una scatola e questo è ciò che [la società] pensa che tu debba essere. Trova la tua autostima e un ambiente amorevole che ti nutre affinché tu possa trovare e sviluppare il tuo dono. “Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.