8187

L’articolo di qualche giorno fa rimetteva in discussione qualcosa che si intuiva prima e si conosceva poi, riguardo la leggebilità di un testo a seconda del font utilizzato. E’ per questo che a livello internazionale, così come in Italia, sono stati creati dei font appositi che avessero determinate caratteristiche. Alcune ricerche, anche italiane, ne hanno confermato la validità e cioè: si legge meglio e più velocemente con un carattere di stampa particolare (vedi Easy Reading con il quale è stato pubblicato il mio libro di Storie di normale dislessia o il font utilizzato dalla Erickson nel mio ultimo libro Capire la mia dislessia).

Volevo quindi riflettere sulla ricerca che ho pubblicato secondo la quale “leggere informazioni con un carattere meno leggibile innesca processi cognitivi più profondi, che aiutano lo studente nel ricordare ciò che ha letto con più facilità”.

Allora capiamoci: leggere con meno fatica non significa memorizzare. Infatti qui si tratta di fare una distinzione. Una lettura più scorrevole agevola il lettore, lo affatica di meno e migliora la comprensione del testo. Quello che invece evidenzia la ricerca inglese è che, in un gruppo di studenti, un font più “difficile” ne ha migliorato la memoria. Come spiegano, infatti, l’ipotesi è che i processi cognitivi innescati siano diversi.

Mi chiedo: quello che ci interessa è davvero fare memorizzare un testo ad uno studente dislessico? La risposta potrebbe essere , ma solo in alcune circostanze. Infatti sappiamo bene che l’apprendimento ha poco o niente a che fare con la memoria nel senso di ricordare date, formule o altro.

Quindi prendiamo per buono questo studio per quello che è: una ricerca sui dislessici, ma che al momento non credo avrà reali ricandute pratiche!Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.