Point

Oggi voglio parlarvi di una pratica, molto utile e davvero facile, che ogni genitore dovrebbe conoscere e utilizzare con il proprio figlio dislessico: il Paired reading, ovvero “leggere insieme”. Questa pratica aiuta il bambino ad avvicinarsi alla lettura di un libro in modo più “dolce” e con il sostegno del genitore.

Questa metodica, pubblicata nella Guida alla Dislessia per i Genitori dell’Associazione Italiana Dislessia alle pagine 47-48-49.

Ebbene, come si fa?

Per prima cosa: Abbiate un buon numero di libri in cui scegliere, prendeteli a scuola, in biblioteca o da amici. Vostro figlio deve scegliere il libro. I bambini imparano a legger meglio su libri che a loro piacciono. Non preoccupatevi se vi sembra in po’ troppo difficile. Vostro figlio imparerà a scegliere libri giusti per il suo livello di lettura. Se sceglierà libri troppo facili, lasciatelo fare. Se il bambino vuole cambiare il libro o vuole rileggere più volte lo stesso libro lasciatelo fare.

Quando dovete applicare “paired reading”?

Cercate di applicarlo tutti i giorni, sono necessari solo 10 minuti. Non sorpassate mai i 15 minuti se vostro figlio non vuole. Non imponetevi mai se vostro figlio desidera fare qualcosa di diverso. Se non avete tempo tutti i giorni potete chiedere ai nonni o ai fratelli di sostituirvi, l’importante è che la metodica sia eseguita.

Dove leggiamo?

Cercate un posto tranquillo, non è possibile leggere se vi sono rumori o persone in movimento intorno a voi; allontanatevi se la televisione è accesa. Cercate un posto comodo, dove potete guardare insieme il libro.
Spesso è più difficile per i genitori che per i bambini imparare cose nuove! Con “paired reading” i genitori devono imparare che:
1. quando vostro figlio legge una parola sbagliata, voi leggetegliela, quindi il bambino la ripeterà dopo di voi. Non lasciatelo a combattere da solo nel cercare di leggerla.
2. quando vostro figlio legge una parola in modo corretto, sorridetegli e ditegli ”giusto!”
Mostrate interesse per il libro che il bambino ha scelto. Commentate le figure, discutete della storia che state leggendo, i commenti è meglio farli all’inizio o alla fine della lettura, altrimenti il bambino perde il filo logico della storia. Chiedete a vostro figlio come finirà la storia, lasciatelo parlare non fate tutto voi!

Leggete per intero il Paired Reading qui.

 Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

2 commenti su “IL “PAIRED READING”: LEGGERE INSIEME CON I FIGLI”

  • Buongiorno Rossella,
    trovo il tuo lavoro davvero utile e interessante.
    Sono pedagogista e mamma homeschooler e con i miei figli sto sperimentando un percorso di didattica plurale che vorrebbe prevenire le forme dislessiche e aiutare l’elaborazione di strategie di compensazione. Puoi vedere il mio lavoro su
    http://imparareinpiedi.wordpress.com/
    Sto approfondendo in particolare lo strumento del lapbook, una mappa concettuale tridimensionale, molto efficace grazie alle immagini, alla coerenza tra forma e contenuto e al coinvolgimento delle competenze artistiche e manuali, Puoi vedere qualcosa sul mio sito
    http://sololapbook.wordpress.com/
    Mi interessa molto un tuo parere.
    Ancora complimenti.
    Greta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.