pensare co i DSA

E’ ormai da diversi mesi che è uscito un opuscolo per gli insegnanti che ho curato, ma di cui non vi avevo ancora parlato. Una breve guida che fa parte della collana “La scuola in tasca” delle Edizioni scolastiche Pearson. 

La scuola in tasca è una collana di testi agili e aggiornati nata per aiutare a comprendere alcune delle tematiche più attuali nella scuola primaria. I testi che ne fanno parte costituiscono un momento di riflessione per procedere con uno sguardo sempre più consapevole e vigile nel lavoro di cura che è l’insegnamento. Ogni pubblicazione si compone di più contributi, nel tentativo di dare voce a una pluralità di punti di vista e alla complessità intrinseca a ogni tematica.

Ogni pubblicazione prevede una sezione di proposte operative, ideate per calare nella concretezza della vita scolastica gli approfondimenti e le riflessioni proposti rispetto a ogni tematica, spunti operativi che possano costituire primi esempi di pratiche didattiche auspicabili nella scuola di oggi.

 Tutti i docenti possono richiederlo e viene dato gratuitamente a chi adotta i libri della Pearson. Hanno collaborato alla stesura del libro le amiche: Anna Di Lauro, mamma e autrice del libro Ho mal di scuola; la psicologa Antonella Francesca Amodio dell’Associazione Yin-sieme; la mamma e blogger Catia Forcella del blog A scuola con Matilde.

 

 Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

7 commenti su “DIRE, FARE, PENSARE CON I DSA”

  • Salve a tutti,
    io non sono un’insegnante, ma la mamma di una bambina dislessica che frequenta la quarta elementare. Vorrei chiedere se, secondo voi, il libro potrebbe essere utile a me come manuale di riferimento per aiutare la mia piccola a fare i compiti.
    Grazie a tutti e buona settimana

  • ho una domanda, non un commento, ma non so dove cercare, ho un ragazzo con dsa, e con i libri ad alta leggibilita ha iniziato a leggere per intero e da solo libri, ora mi ha chiesto se esiste il libro di harry potter con font ad alta leggibilita, infondo è solo un tipo di stampa e non credo centri con copyraight o altro, quindi mi chiedo perche e cosi difficile cambiare il font di stampa?per libri che pretendono di entrare nei classici??? vorrei vedere i libri piu letti, stampati con font leggibile per tutti, e perche no anche in stampato braille o altra font che agevola altri target???

  • ho dimenticato, la domanda è dove posso trovare questi libri piu letti dai ragazzi/e, con font agevolata per dsa???? grazie scusate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.