story1pic4

Le sculture di Rebecca Kamen appaiono delicate come il cervello stesso. Sottili rami verdi si estendono da una massa colorata di filamenti simili a vene. I rami, costituiti da pezzi di mylar (resina termoplastica) traslucida e sporchi di vernice acrilica, sono così delicati che ondeggiano leggermente quando sono montati alla parete. Arroccate su varie parti della scultura sono delle farfalle, le cui ali paiono svolazzanti.
La Kamen è stata influenzata dagli scritti di Santiago Ramon y Cajal, il “padre della moderna neuroscienza” e premio Nobel nel 1906.  Il particolare il lavoro intitolato “Le farfalle dell’anima” è stato ispirato da Cajal che una volta ha detto: “Come l’entomologo in cerca di farfalle colorate, la mia attenzione si è cacciato nei giardini delle cellule della sostanza grigia con forme delicate ed eleganti, le misteriose farfalle dell’anima, il cui battito d’ali possa un giorno rivelare a noi i segreti della mente “.

La scultura di Kamen è un tributo al suo lavoro e allo sviluppo delle moderne neuroscienze. L’osservazione di Cajal delle cellule al microscopio ha radicalmente cambiato il modo di studiare il cervello e le sue funzioni da parte degli scienziati. E le farfalle nella scultura dell’artista rappresentano proprio i disegni di cellule di Purkinje fatti da Cajal.

Le cellule di Purkinje svolgono un ruolo importante in alcune funzioni cognitive, quali l’attenzione e il linguaggio, competenze di grande interesse per Kamen che è dislessica. Il fascino per il cervello e la sua struttura si è manifestato quando ha scoperto che era dislessica.

 

Ma come e  quando Rebecca Kamen scoprì di essere dislessica?

Nonostante il sostegno dei suoi genitori e molti dei suoi insegnanti delle scuole superiori, alcuni educatori misero in dubbio l’intelligenza di Kamen. “Quando sono entrato all’università, fu chiesto ai miei genitori perché sprecassero i loro soldi mandandomi al college” ricorda l’artista. “Secondo loro, non ero materiale da college.”

Quelle continue lotte con la scuola l’hanno influenzata a studiare arte. Ammessa al college “in libertà vigilata”, Kamen ha scelto di studiare educazione artistica, perché era l’unica scuola che potesse trovare in Pennsylvania che non richiedesse un corso di matematica nella quale aveva grandi difficoltà, oltre che nella lettura.

“Ho imparato a conoscere le cose smontandole, esaminandole” ha dichiarato Kamen. “Penso che ciò mi ha permesso di sviluppare le capacità di lavorare con le mani più che una semplice elaborazione delle cose in modo lineare.”

Per la maggior parte della sua carriera, la scienza è stata una musa per Kamen che crede che l’artista e lo scienziato abbiano missioni simili: entrambi cercano modelli significativi, creano narrazioni avvincenti e trattano con mondi invisibili. 

 

 Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.