tutta-colpa-di-freud-8

Mai dare per scontato che un ragazzo, dislessico o meno, abbia finito di imparare a 18 anni! I nostri giovani paiono demotivati, a volte con poca iniziativa, passivi, ma non è così! Vanno solo incoraggiati e stimolati ancora, nel modo giusto. E ve lo voglio raccontare.

Ieri sono andata a cinema con mio figlio, 18 anni, ultimo anno di Liceo Classico (frequentato con molto poco entusiasmo). Non andavamo insieme a cinema da… non mi ricordo nemmeno più, sapete come sono i ragazzi quando crescono: al cinema si va solo con gli amici!

Ieri avevo il desiderio di andare a vedere Tutta colpa di Freud ed ero sola. Era già da qualche giorno che insistevo e, meraviglia delle meraviglie, alla fine mio figlio, anche lui “libero” da impegni, ha accettato di venire con me.

Premetto che il film mi è piaciuto moltissimo e che affronta in modo leggero ma con una certa serietà di impostazione, la problematica dell’identità sessuale, dell’amore e di tutto quanto gira intorno ad esso. L’amore adolescenziale, quello maturo, quello omosessuale, quello “difficile” perchè di fronte hai una persona diversamente abile.

Mio figlio, di base un gran curioso, a metà film ha cominciato a chiedermi che significava “sordomuto” (unica vera pecca del film è aver dato quest’appellativo ad un giovane non udente che parlava solo la Lingua dei Segni), se poteva parlare, cosa poteva udire…

Non solo: mi ha chiesto chi era Freud (ho dato per scontato che ne avesse sentito parlare, anche vagamente) e mi ha detto che voleva leggere, dico LEGGERE (non dimenticatevi che mio figlio è dislessico) qualcosa di Freud. E adesso??? Sono in crisi. Ho trovato, però, una biografia a fumetti… la comprerò e vi farò sapere se a mio figlio è piaciuta. Questo non perchè sia a fumetti, semplicemente perchè non sono riuscita a trovare nessun libro di tipo narrativo per raccontare la vita e le opere del maestro della psicoanalisi.

Concludendo: un buon film interroga i ragazzi sul mondo, sulla sua realtà, sulla cultura e sui propri sentimenti. Non è cosa da poco. Peccato che non siano tantissimi i film che si prestano a fare questo, però ho trovato in rete una pagina interessante con le segnalazioni di film adatti agli adolescenti: http://www.cinemaepsicologia.it/

PS: il film che ho segnalato non è per giovanissimi, ma a mio parere dai 14-16 anni in su.

 

 Se ti è piaciuto l’articolo puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook di Le aquile sono nate per volare.

Related Posts with Thumbnails

2 commenti su “CONOSCERE E COMPRENDERE ATTRAVERSO UN FILM”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.